Frenesia e Rötschreck

Frenesia

Durante la frenesia, un personaggio si addentra letteralmente, e il più delle volte contro la sua volontà, negli istinti più oscuri della natura vampirica. Il vampiro è consumato dalla fame o dalla rabbia, incapace di considerare (o deciso ad ignorare), le conseguenze di qualunque azione. Amici, nemici, amanti, etica: nulla di tutto questo conta più. Se un fratello in stato di frenesia ha fame, si nutrirà di chiunque sia nelle vicinanze, senza preoccuparsi del benestare della sua vena. Se è arrabbiato, farà tutto ciò che è in suo potere per distruggere la causa della sua rabbia. Un Fratello attanagliato dalla paura commetterà ogni sorta di atrocità per allontanarsi dalla fonte del suo terrore, senza preoccuparsi delle conseguenze. Il personaggio si arrende completamente agli aspetti più infimi della sua Natura, mettendo da parte il proprio carattere. Diviene, in pratica, la Bestia. All’interno della Camarilla soccombere alla frenesia è considerata una debolezza, un’umiliante perdita di controllo. I vampiri che cadono spesso in frenesia, soprattutto in pubblico, corrono il rischio di essere rifiutati dalla società o peggio. Sebbene anche molti membri della Camarilla siano mostri fino al midollo, le regole della Masquerade (e la semplice civiltà) richiedono che la Bestia venga tenuta sotto controllo: coloro che non ne sono in grado non sono vampiri ma animali, e devono essere abbattuti per il bene di tutti. Tra i membri del Sabbat, l’attitudine alla Frenesia è vista come un impulso naturale, proprio come il cibo e il sesso per i mortali. Questi vampiri deridono l’atteggiamento della Camarilla definendoli stupidi privi di volontà che non riescono ad accettare la loro reale natura di predatori. Di conseguenza, il Sabbat non tenta di evitare la frenesia, ma piuttosto cercano di controllarla e di utilizzarla a proprio vantaggio. In ogni caso, il Narratore può chiedere in qualunque momento a un personaggio di eseguire un tiro di Frenesia, quando ritiene che questi stia per perdere il controllo. Un vampiro in Frenesia gode di numerosi benefici temporanei:

Per tutta la durata della condizione i Fratelli ignorano completamente tutte le penalità all’ammontare dei dadi inflitte dalle lesioni. Una volta terminata la Frenesia, però, il dolore torna a farsi sentire. Il livello di difficoltà per usare la Dominazione su di un personaggio in frenesia aumenta di +2, mentre la difficoltà per resistere alla Dominazione è ridotta di -2. Inoltre, tutti i vampiri in frenesia sono immuni agli effetti distruttivi del Rötschreck.

Sistema:

Un vampiro sull’orlo di una crisi di Frenesia deve effettuare un tiro di Volontà con una difficoltà variabile. Il personaggio deve totalizzare 3 successi per superare il desiderio di violenza che sente, ma con 1 successo può già arrestare la frenesia temporaneamente. Un fallimento significa che il vampiro affronta una furia emozionale e compie tutto ciò che vuole senza preoccuparsi delle eventuali ripercussioni. In caso di un fallimento critico il fratello resta in frenesia fino a quando lo decide il Narratore, e può subire un’alienazione mentale dovuta allo stato in cui versa.

 

STIMOLO Difficoltà
Odore del Sangue (quando è affamato) 2
Vista del Sangue (quando è affamato) 3
Essere molestato 3
Situazioni pericolose 3
Essere Deriso 3
Provocazioni Fisiche 4
Sapore del Sangue (quando è affamato) 5
Pericolo per la persona Amata 6
Grande Umiliazione 7

 

Rötschreck

Lo stato di Rötschreck invece, pur essendo molto simile a quello di Frenesia, presenta alcune differenze. Innanzitutto per rischiare il terrore rosso il vampiro deve essere generalmente in presenza di uno dei suoi anatemi: fuoco, creature sovrannaturali avverse (es.: Lupini), luce solare o vera fede. Secondariamente l’effetto del Rötschreck è quello di fuggire con ogni mezzo dalla fonte del terrore invece di assalirlo.

Il Vampiro dovrà stare lontano dalla vista della causa di Rötschreck per un’intera scena.

Alcuni motivi di Rötschreck sono individuali, valgono solo per alcuni Vampiri in base al loro Archetipo e Difetti.

Alcuni fattori che possono incitare il Rötschreck sono:

  • il fuoco: Il fuoco è letale per i Vampiri ancor più di quanto lo sia per gli umani. L’eccessiva vicinanza al fuoco può portare un terrore indescrivibile ad un Cainita, il quale dovrà allontanarsi.
  • il sole: la luce solare brucia i Vampiri. Se un PG prova una particolare paura o sensibilità per la luce solare dovrà immediatamente allontanarsi anche da un singolo raggio di luce che gli passa accanto.
  • altre creature: per chi è particolarmente sensibile la vista di altre creature come Spettri, Demoni, Lupini ecc … potrebbe provocare il Rotschreck.
  • la fede: Molti cacciatori di Vampiri o addirittura alcuni Cainiti possono utilizzare la propria fede per danneggiare le creature come i Vampiri. L’enorme potenza che può raggiungere la fede può essere un motivo sufficiente per instillare il Terrore Rosso nei Cainiti.
  • alcuni poteri: alcune Discipline sono in grado di agire sulla Bestia interiore di un PG. In questo caso in base alla narrazione della scena gli Artefici ne decideranno l’andamento.

Sistema:

Il giocatore per resistere al Rötschreck dovrà effettuare un tiro su Mentali a Difficoltà 3. Un insuccesso o un insuccesso critico il PG sarà in preda al terrore rosso.

 

STIMOLO Difficoltà
Accendere una sigaretta 1
Vista di una torcia 2
Falò 3
Raggi del sole coperti 4
Essere bruciato 5
Raggi del sole diretti 6
Intrappolato in un edificio in fiamme 7