Capitolo 2 – Struttura della Resistenza ed Economia Mondiale

Capitolo 2 

Struttura della Resistenza

Nel corso degli anni, la Resistenza, anche se con diverse difficoltà, è riuscita a formare una società discretamente organizzata.
Si è insediata in quelle vecchie città abbandonate o complessi industriali nelle zone ormai più impervie e pericolose, riuscendo a creare piccoli nuclei, ben difesi e autosufficienti, conosciuti come Settori.
Nel mondo conosciuto, la Resistenza è gestita dal Consiglio Interno. È formato dagli uomini e dalle donne con più esperienza che rappresentano i vari gruppi della società.
Dal Consiglio partono le direttive che arrivano sulle scrivanie dei Governatori di ogni Settore, o ai responsabili dei vari gruppi.
Ogni Settore è organizzato come segue:

Governatore: gestisce un Settore, di consueto questo ruolo è ricoperto da un uomo o una donna che si è prodigato per la salvaguardia del proprio Settore o che ha portato grandi risultati per la Resistenza;

Comitato d’Azione: formato da militari, investigatori e uomini addestrati, il suo compito è quello di gestire la sicurezza interna ed esterna al Settore, di svolgere missioni sul campo (come ad esempio l’estrazione di un cittadino del Triumvirato) e scortare le carovane dei mercanti tra un Settore ed un altro;

Reparto Tecnico-Scientifico: scienziati, medici e hacker con il compito di gestire ospedali, innovazioni utili alla Resistenza e tenere sotto controllo la società del Triumvirato. Grazie a loro, i Settori hanno elettricità (tramite rudimentali pannelli solari), depuratori d’acqua e tutte quelle “tecnologie” utili per rendere un Settore autosufficiente (o quasi);

Collegio Teologico: formato da sacerdoti da varie religioni, si occupa di tutto ciò che concerne l’ambito spirituale della popolazione del Settore, come cerimonie, funerali e riti vari (matrimonio, nascita ecc.). La sua presenza all’interno del Settore aiuta a mantenere alto il morale di tutti gli abitanti, anche nei momenti più difficili. Capita spesso che i suoi componenti aiutino i medici negli ospedali come assistenti;

Confederazione dei Mercanti: i suoi membri sono l’anima pulsante del Mercato Nero e si occupano degli scambi commerciali interni al Settore e tra i Settori. La loro capacità di reperire oggetti utili li rende spesso indispensabili per il Comitato d’Azione e per il Reparto Tecnico-Scientifico, per la risoluzione di missioni sul campo e per il rifornimento di componenti necessari per la manutenzione della rudimentale, ma indispensabile, tecnologia del Settore;

Liberi Cittadini: tutti coloro che non fanno parte, per necessità o per scelta, di uno dei gruppi sopra citati – artigiani, agricoltori, allevatori, bambini, anziani ecc.

Le valute correnti nel Nuovo Ordine Mondiale e nella Resistenza

CryptoCoin

Il nuovo Ordine Mondiale ha portato ad una modifica sostanziale dell’economia in tutti i suoi aspetti, infatti, è da decenni che non esiste più una moneta corrente e tutte le zecche sono divenute musei della moneta antica.
Che cambi ha apportato alla società questo aspetto innovativo dell’economia?

• Nessuna evasione fiscale e tracciatura sicura di tutto il denaro in circolo;
• Nessuna inflazione della moneta (essa non si svaluta e quindi non si svalutano i propri investimenti);
• Azzeramento della povertà (il tasso di povertà nel Mondo è pari a 2%)

Questo cambiamento ha costretto tutti a doversi munire dell’applicazione Mankind per la gestione del proprio account bancario e delle transazioni (le carte elettroniche non esistono più, oramai esistono solo carte virtuali). Pagamenti che non sono effettuati tramite CryptoCoin non sono accettati e vengono puniti con il carcere.
Dopo la fine della Terza Guerra Mondiale il sistema “società” è stato distrutto portando tutti, inizialmente, ad un sistema di baratto o di scambio tramite una valuta fittizia (delle rondelle da vite di due tipologie: dorate o argentate) poi sostituito con i CryptoCoin.
Tutto quello che gira attorno a Mankind non è utilizzabile dalla Resistenza, quindi, nemmeno il CryptoCoin.
La società al di fuori del Mondo idilliaco creato dal Triumvirato ha mantenuto il sistema del baratto o della valuta fittizia (la Moneta del Popolo, o MP).
L’MP si divide in due categorie:

La rondella per vite dorata – pezzo dell’era pre Terza Guerra Mondiale. Il suo valore è elevato per la sua scarsa reperibilità (sono pezzi che non si utilizzano più e non vengono più prodotti dalle industrie, ora si usano altri metodi per costruire o montare un mobile).

La rondella per vite d’argento – pezzo dell’era pre Terza Guerra Mondiale. Il suo valore è più esiguo rispetto a quello della rondella dorata dato che la sua reperibilità è più elevata rispetto all’altra tipologia.
I loro valori sono:

• Rondella dorata – 5 MP
• Rondella d’argento – 1 MP

Ovviamente gli “eserciti” di hacker presenti nella Resistenza permettono di avere delle risorse in CryptoCoin sicuri in maniera molto limitata (per avere un’idea: l’intera Resistenza riesce ad ottenere 100 CryptoCoin al mese quando uno stipendio medio nella società è di 1000 CryptoCoin al mese).
L’MP si può utilizzare solo nei Mercati della Resistenza (considerato Mercato Nero) perché altrove sarebbe punito severamente.